Ascolta i consigli, poi lasciali andare

L’Appennino per me è sempre stato un magnete. Da quando ho iniziato a guidare (la moto, all’inizio) e ho potuto spingermi da solo oltre il Po, non ho fatto che tornarci. Mi attiravano paesaggi, borghi, frammenti di umanità che mi sembravano nascondere storie che avrei voluto conoscere. Mi stupiva come tanta bellezza non attirasse le…

Continue Reading

La famiglia Away ha trovato casa, sugli Appennini

Nuovi pavimenti sotto le nostre pantofole, nuovi soffitti sopra le nostre teste, muri verniciati di verde, azzurro, giallo e viola tutt’intorno ai nostri corpi. E poi prati, alberi, cantine (una è piena di vino!). Perfino una vigna, una stalla e un forno a legna. Tanto spazio, anche se quasi tutto da ristrutturare. È stata una…

Continue Reading

M49 – Una storia di orsi e persone, il podcast

Era il lockdown, quello buio. Quello in cui si sbarellava dietro alle videoconferenze, con le mani appiccicose di lievito madre e il televisore che gracchiava in sottofondo i dati del giorno. Mentre gli esseri umani erano chiusi dentro casa, gli animali selvatici rimettevano il naso fuori dai boschi, nel silenzio: “Che se ne siano andati,…

Continue Reading

Se fossi già (molto) vecchio

Verso la fine di maggio ho avuto il lusso di qualche giorno per conto mio, a bordo del glorioso Zio Camper. Sono andato in Val di Tovel, nel Parco Naturale Adamello Brenta, in Trentino. Ci sono andato sia per vedere un luogo tra i più belli delle nostre Alpi, sia per visitare una delle zone…

Continue Reading

Nomadland – Se gli anziani vanno a vivere nei furgoni

C’è una generazione che dovrebbe essere a riposo, in pensione, e invece vive da nomade su furgoni, camper, perfino automobili. Gente di 70, 80, 90 anni che viaggia per gli Stati Uniti lavorando per sopravvivere nei magazzini di Amazon, dove percorre a piedi fino a 30km al giorno su pavimenti in cemento. Sono loro che…

Continue Reading

Possiamo davvero proteggere i bambini?

Ieri, la notizia di un bambino di nemmeno 2 anni scomparso nei boschi impervi del Mugello. I genitori lo hanno messo a letto e poi non lo hanno più trovato. Una ricerca che con il passare delle ore si è fatta disperata: trascorre un’altra notte, sorge di nuovo il sole. Poi, quello che in TV…

Continue Reading

Se fossi una casa

Di tutti i posti in cui ho vissuto, per brevi o lunghi periodi, questo è il primo che mi viene in mente se penso alla parola “casa”. Il rifugio in cui, senza troppe paranoie, mi levavo gli stivali infangati, tiravo un sospiro dietro la porta chiusa e mi sentivo subito al mio posto. Si trovava…

Continue Reading

La bambola – racconto di Davide Re

La prima cosa che mi fece pensare con la sua apparizione fu che è proprio vero che la fortuna aiuta gli audaci. E io, potete giurarci, per quanto molto spesso me la faccia sotto, audace lo sono sempre stato. Doveva essere per questo che mentre il fumo acre del mio sigaro si stava ancora diradando…

Continue Reading

Chicago – Vignate morning blues (l’inverno dove sono cresciuto io)

Ogni tanto faccio pulizia di file dispersi. Su telefoni, schede di memoria, cloud vari che mi avvisano che ho finito lo spazio gratuito a disposizione. Perdo tempo, ma trovo sorprese. Come questa nota di cui non ricordavo, presa alle sei di un mattino di sei anni fa, su un telefono che non ho più e…

Continue Reading

La consapevolezza di avere abbastanza

Tra un soggiorno climatico e una pandemia, è da quasi un anno che viviamo da queste parti, in Trentino. Siamo i fortunati ospiti di una seconda casa che qualcuno ci ha messo a disposizione. Un po’ piccola, ma molto accogliente. Si impara molto vivendo in due stanze spoglie in quattro. Per i vestiti, ad esempio,…

Continue Reading