30 anni dopo Berlino: oggi il muro è fatto di parole

Immaginate di avere davanti un amico che non incontrate da un po’. Voi dite: “Che bello vederti!” Lui però fa una faccia arrabbiata, si volta dall’altra parte. In preda alla confusione vi chiedete cosa stia succedendo e vi rendete conto che per lui “bello” significa “brutto”, anzi “bruttissimo.” Insomma, lo avete appena insultato. Così provate…

Continue Reading

Il vocabolario dell’odio della destra populista: quando il muro è nella testa di chi parla

Era una giornata calda di agosto e perdevo il mio tempo su Twitter. È il mio modo per farmi del male: piuttosto che fumare o andare al centro commerciale… Insomma, leggevo che la ONG Open Arms ha “presentato un ricorso al Tribunale per i Minori e alla Procura minorile di Palermo affinché i minori a…

Continue Reading

Il brivido di dire: Sono cattivo. Quattro ragazzini marciano su Arese

Venerdì scorso rientravo da una serata con amici. Era poco prima di mezzanotte e per le vie del centro di Arese, la piccola città in cui vivo, c’era poca gente: le solite facce consumate fuori dai bar, qualche coppietta che camminava a braccetto, ragazzini in bicicletta di ritorno a casa. Ero stanco, assonnato. Ho parcheggiato…

Continue Reading

Libri che scelgono me: Sostiene Pereira

Cosa ti dice un libro, quando ti parla? Che messaggio ti manda, dal suo angolo lontano nel tempo e nello spazio? E com’è possibile che parli proprio a te, in modo così chiaro e inequivocabile? Pereira è un vecchio giornalista, grasso e cardiopatico. Vive solo e lavora solo, in una minuscola stanza che dovrebbe essere…

Continue Reading

Sentirsi al sicuro – breve estratto da Funamboli sulla strada

Ecco un altro breve estratto da Funamboli sulla strada, il mio libro da poco uscito per Sensibili alle foglie. Quello che segue è uno stralcio del mio diario di viaggio. Per avere il libro potete contattarmi, ordinarlo in libreria, oppure comprarlo sugli store online (Feltrinelli, Mondadori, ecc.) o direttamente sul sito della casa editrice Sensibili…

Continue Reading

Avevo paura, ma mi faceva più paura tornare a casa – breve estratto da Funamboli sulla strada

Vi propongo un breve estratto da Funamboli sulla strada, il mio libro da poco uscito per Sensibili alle foglie. Quelle che seguono sono le parole di una ragazza che ha vissuto per molti anni in strada a Città del Guatemala. Per averlo potete contattarmi, ordinarlo in libreria, oppure comprarlo sugli store online (Feltrinelli, Mondadori, ecc.)…

Continue Reading

Funamboli sulla strada, il libro sui ragazzi di strada di Città del Guatemala

Cinque anni fa Laura e io eravamo in Guatemala. Forse ricorderete qualche racconto della nostra esperienza laggiù, il nostro passeggiare goffo per le strade di una città non proprio alla portata di tutti. Però non vi ho mai parlato delle persone con cui abbiamo vissuto e che ci hanno insegnato a interpretarla, quella città. A…

Continue Reading

L’agenda ritrovata: in bicicletta da Milano a Palermo per ricordare Paolo Borsellino

19 luglio del 1992. Sono passati venticinque anni. Quel giorno a Palermo moriva Paolo Borsellino, e con lui la sua scorta, sotto casa della madre del magistrato. E mentre tutto questo accadeva: l’esplosione, il sangue, il panico, le sirene che suonavano, i giornalisti che iniziavano ad assieparsi intorno ai rottami e alle macerie. Mentre tutto…

Continue Reading

Bambini stranieri a scuola: un errore da non fare.

Da una parte c’è chi non tollera le differenze ed esige che i bambini stranieri siano del tutto uguali agli altri, dall’altra c’è chi le esalta in modo acritico e si impegna per preservarle dall’assimilazione. In entrambi gli atteggiamenti la diversità è sotto i riflettori, continuamente messa in risalto, danneggiando chi ne è portatore. Nella…

Continue Reading

Mojoca Family, Voces de la calle (Voci della strada)

Para los amigos de Guatemala: Aquí estan las canciónes que grabamos en el taller de rap. Espero pronto poder editar el vídeo con las imágenes que ha tomado Laura.   Gracias a todos los que participaron, aprendí mucho de esta experiencia.  Sólo les digo una última cosa: como hicieron este CD en menos de un mes, ustedes pueden hacer muchas otras cosas. Sólo tienen que creer en sí mismos, enfrentar el miedo, luchar, siempre…

Continue Reading